Anche questa Pasqua è passata ma ci sono crocifissioni che non finiscono

Le crocifissioni di oggi sui Golgota delle nostre strade nell’indifferenza del perbenismo ipocrita, in attesa di una Pasqua di liberazione

93008162_10216524518969093_1445178769080844288_n

 

Sfruttamento della prostituzione e mafie nigeriane in Abruzzo

https://www.wordnews.it/sfruttamento-della-prostituzione-e-mafie-nigeriane-in-abruzzo

Lilian e Maris Davis, storie simbolo della disumanità.

https://www.wordnews.it/lilian-e-maris-davis-storie-simbolo-della-disumanita

Mafie nigeriane: sfruttamento della prostituzione, narcotraffico e saldatura con le mafie italiane

https://www.wordnews.it/mafie-nigeriane-tra-sfruttamento-della-prostituzione-narcotraffico-e-saldatura-con-le-mafie-italiane

Tratta e mafie nigeriane: voci di dolore e riscatto

https://www.qcodemag.it/indice/interventi/tratta-e-mafie-nigeriane-voci-di-dolore-e-riscatto/

Nell’Italia del 2019 esiste una vasta schiavitù sessuale

http://www.lagiustizia.info/nellitalia-del-2019-esiste-una-vasta-schiavitu-sessuale/

Schiavitù sessuale made in Italy

https://www.pressenza.com/it/2019/11/schiavitu-sessuale-made-in-italy-in-thailandia-e-non-solo/

Quante Lilian nelle nostre strade? E quante coscienze sporche rivestite

https://www.pressenza.com/it/2019/12/quante-lilian-nelle-nostre-strade-e-quante-coscienze-sporche-rivestite/

 

Precedenti post su questo blog

http://heval.altervista.org/quante-lilian-nelle-nostre-strade-e-quante-coscienze-sporche-rivestite/

http://heval.altervista.org/abruzzo-mafie-nigeriane-e-ipocrisia-buon-mercato/

 

Senza categoria

Informazioni su Alessio Di Florio

Militante comunista libertario e attivista eco-pacifista, referente abruzzese dell’Associazione Antimafie Rita Atria e di PeaceLink, Telematica per la Pace. Collabora tra gli altri con Giustizia!, Telejato.it, Casablanca, I Siciliani Giovani e altri siti web. Autore di articoli, dossier e approfondimenti sulle mafie in Abruzzo, a partire da mercato degli stupefacenti, ciclo dei rifiuti e rotta adriatica del clan dei Casalesi, ciclo del cemento, post terremoto a L'Aquila, e sui loro violenti tentativi di dominio territoriale da anni con attentati, intimidazioni, incendi, bombe con cui le mafie mandano messaggi e tentano di marcare la propria presenza in alcune zone, neofascismo, diritti civili, denunce ambientali tra cui tutela coste, speculazione edilizia, rischio industriale e direttive Seveso.

Precedente Tre racconti dai Natali passati Successivo se tendi l’orecchio qui tutto quanto grida ... sentinella a che punto resta la notte