Tra le stelle di San Lorenzo e un cuore sulla riva del mare …

13902611_10208898769613971_5575178612599940494_n Notte magica, notte di stelle e di lacrime argentate, notte di fate e folletti che ci prendon per mano e ci accompagnano sull’astro che illumina il cielo. Chiudere gli occhi, aprire il cuore e lasciarsi portare via, volando verso quella luminosa scia. Verso momenti e luoghi più umani, più intensi, in cui dominano sogni realizzati, appassionati. Poter assaporare sogni e amori che si intrecciano e realizzano, che colorano le nostre vite. Senza paure, timori, non corrispondenze. Lacrima luminosa che ferma le nostre lacrime, dando fiato alle parole che non si riescono a dire, a quelle parole che non si trovano, che non vengono alle labbra. Che rimangono mute, serrate perché il cuore batte troppo e l’animo non sa come esprimersi. Stella polare di un navigante solitario ed errante che ha perso la rotta. O non l’ha mai trovata. Corre via la stella cadente ad illuminare altri cieli, ad incantare e far sognare nuovi sguardi. Gli occhi si riaprono e sul cuore tornano i pesi della quotidiana realtà, delle spine che soffocano sogni e sentimenti. E si rimane sulla sponda del mare, col cuore che si deposita sulle onde e sulla riva, sperando il giorno in cui abbandonato tra i flutti momenti magici …

Nubi di fiato rappreso
s’addensano sugli occhi
[…]
uno sguardo,
due occhi di rugiada,
un sorriso,
un nome di donna. (Peppino Impastato)

Subito a me
il cuore si agita nel petto
solo che appen la veda, e la voce
non esce e la lingua si lega.
Un fuoco sottile sale rapido alla pelle,
e ho buio negli occhi e il rombo
del sangue alle orecchie. (Saffo)

Senza categoria

Informazioni su Alessio Di Florio

Militante comunista libertario e attivista eco-pacifista, referente abruzzese dell’Associazione Antimafie Rita Atria, dell'Associazione Culturale Peppino Impastato e di PeaceLink, Telematica per la Pace. Collabora tra gli altri con Telejato.it, Popoff Quotidiano e altri siti web. Autore di articoli, dossier e approfondimenti sulle mafie in Abruzzo, a partire da mercato degli stupefacenti, ciclo dei rifiuti e rotta adriatica del clan dei Casalesi, ciclo del cemento, post terremoto a L'Aquila, e sui loro violenti tentativi di dominio territoriale da anni con attentati, intimidazioni, incendi, bombe con cui le mafie mandano messaggi e tentano di marcare la propria presenza in alcune zone, neofascismo, diritti civili, denunce ambientali tra cui tutela coste, speculazione edilizia, rischio industriale e direttive Seveso.

Precedente Dovremmo gridare sempre più e invece si appare afoni. Perché? Successivo Rete dei Comunisti. 2015 Dopo aver esportato per anni guerra e sfruttamento, il Polo imperialista europeo importa disperazione, miseria e morte